USO SICURO DELLE SCALE: BUONE PRASSI PRIMA DURANTE E DOPO L’USO

In questi anni per la prevenzione delle cadute dalle scale sono stati presentati in Italia e in tutta Europa vari documenti, check list, linee guida che offrono le buone prassi da seguire per evitare infortuni.

Ecco poi riportate varie indicazioni di cui tener conto prima dell’uso della scala:
– “assicurarsi di essere in condizioni fisiche che consentano l’uso della scala. Alcune condizioni mediche, assunzione di farmaci o abuso di alcol o droghe potrebbero rendere l’uso della scala non sicuro;
– assicurarsi che sia correttamente posizionata per evitare danni se la si trasporta su un portapacchi o in un autocarro;
– ispezionarla dopo la consegna e prima del primo utilizzo per verificare le condizioni e il funzionamento di ogni sua parte;
– controllare visivamente che non sia danneggiata e che possa essere utilizzata in modo sicuro all’inizio di ogni giornata di lavoro;
– effettuare l’ispezione periodica secondo le istruzioni del fabbricante;
– assicurarsi che sia adatta all’impiego specifico;
– eseguire una valutazione del rischio in conformità alla legislazione del Paese di utilizzo prima di utilizzarla sul luogo di lavoro;
– verificare il peso massimo ammesso sulla stessa;
– verificare le condizioni della superficie di lavoro di appoggio;
– verificare l’integrità e la presenza di tutti i componenti, compresi i piedini di gomma o di plastica che devono essere inseriti correttamente nella loro sede;
– non utilizzarla se danneggiata;
– verificare che i gradini siano puliti, asciutti ed esenti da olii, da grassi e da vernici fresche;
– verificare che non ci siano pericoli potenziali nella zona di attività sia in alto vicino al luogo di lavoro che nelle immediate vicinanze (non usare la scala vicino a porte o finestre, a meno che non siano state prese precauzioni che consentono la loro chiusura; non collocare la scala in prossimità di balconi, pianerottoli, senza opportuni ripari o protezioni, non usare le scale metalliche in adiacenze di linee elettriche);
– verificare che per i lavori sotto tensione venga utilizzata solo quella per l’uso specifico;
– verificare se la presenza di altri lavori possa avere interferenze pericolose;
– verificare che lo spazio davanti e ai lati della stessa sia libero da ostacoli;
– verificare che le condizioni atmosferiche siano adatte (assenza di vento, pioggia, ghiaccio al suolo ecc.);
– verificare che sia montata nella posizione corretta ovvero con la corretta angolazione per una scala di appoggio (angolo di inclinazione circa 1:4), con i pioli o i gradini orizzontali e completamente aperta per una scala doppia;
– verificare che i dispositivi di ritenuta, se previsti, siano completamente bloccati prima dell’uso;
– verificare che essa sia posizionata su una base piana, orizzontale e non mobile;
– verificare che essa sia appoggiata contro una superficie piana e non fragile e sia assicurata prima dell’uso, per esempio legandola o utilizzando un dispositivo di stabilizzazione adatto”.

Inoltre durante l’uso della scala il lavoratore deve:
– “non collocarla su attrezzature che forniscano una base per guadagnare posizione in altezza;
– posizionarla su un supporto stabile, resistente, di dimensioni adeguate e immobile, in modo da garantire la posizione orizzontale dei gradini/pioli;
– assicurarsi che sia sistemata e vincolata in modo da evitare sbandamenti, slittamenti, rovesciamenti, oscillazioni o inflessioni accentuate. Qualora non sia attuabile l’adozione delle misure citate, la scala deve essere trattenuta al piede da un’altra persona;
– salire/scendere su/dalla stessa indossando l’abbigliamento adeguato e i DPI idonei sulla base della valutazione dei rischi ( calzature ad uso professionale atte a garantire una perfetta stabilità e posizionamento; non a piedi nudi o con scarpe a tacchi alti o con ogni tipo di sandalo, non con lacci che possano impigliarsi o finire sotto le scarpe ecc.);
– salire fino a un’altezza tale da consentirgli di disporre in qualsiasi momento di un appoggio e di una presa sicura;
– non esporsi lateralmente per effettuare il lavoro; la fibbia della cintura (ombelico) dovrebbe trovarsi all’interno dei montanti ed entrambi i piedi sullo stesso gradino/piolo durante tutta l’operazione;
– non lasciarla per accedere ad un altro luogo in quota senza una sicurezza supplementare, come un sistema di legatura o un dispositivo di stabilizzazione adatto;
– non utilizzarla per accedere a un altro livello in caso di scala doppia;
– non oltrepassare il terz’ultimo gradino di una scala in appoggio;
– non sostare sui due gradini/pioli più alti di una scala doppia senza piattaforma e guarda-corpo;
– non sostare sui quattro gradini/pioli più alti di una scala doppia con tronco a sbalzo all’estremità superiore se previsto dal fabbricante;
– non utilizzarla per effettuare lavori su parti elettriche sotto tensione a meno che non sia isolata;
– non utilizzarla all’esterno, in condizioni climatiche avverse come vento forte;
– adottare precauzioni per evitare che i bambini possano giocare sulla stessa;
– assicurare le porte (non le uscite antincendio) e le finestre, quando possibile, nell’area di lavoro;
– non usarla come ponte;
– non salire/scendere su/dalla stessa portando materiali pesanti o ingombranti che pregiudichino la presa sicura;
– posizionare sempre entrambi i piedi sulla stessa, non sbilanciandosi;
– tenersi in salita e in discesa sulla linea mediana, col viso rivolto verso la stessa e le mani posate sui pioli o sui montanti;
– mantenere il corpo centrato rispetto ai montanti;
– effettuare la salita e la discesa solo sul tronco predisposto per la salita (con gradini e pioli);
– stazionare sulla stessa solo per brevi periodi intervallando l’attività con riposo a terra;
– evitare di saltare a terra dalla stessa;
– evitare ogni spostamento della stessa, anche piccolo, ma eseguirlo quando non si è su di essa;
– non modificare la posizione della stessa dall’alto;
– avere sempre una presa sicura a cui sostenersi, quando si posiziona sulla stessa;
– disporre eventualmente di un contenitore porta attrezzi agganciato alla stessa specificatamente previsto per l’uso dal fabbricante;
– disporre eventualmente di un contenitore porta attrezzi agganciato alla vita in caso di utilizzo di attrezzi da lavoro;
– evitare di posizionare un piede su un gradino (piolo) e l’altro su un oggetto o ripiano;
– evitare di sporgersi lateralmente;
– evitare la salita, la discesa e lo stazionamento contemporaneo con altri lavoratori;
– evitare di applicare sforzi eccessivi con gli attrezzi da lavoro che potrebbero farla scivolare o ribaltare;
– evitare la salita e la discesa sulla stessa portando materiali pesanti o ingombranti che pregiudichino la presa sicura;
– evitare la salita e la discesa sulla stessa se si soffre di vertigini;
– evitare la salita e la discesa sulla stessa quando si è stanchi o la funzionalità degli arti è pregiudicata (per esempio: lesioni, dolori ecc.);
– vietarne l’utilizzo alle donne gestanti”.

Infine dopo l’uso della scala è necessario:
– “verificare l’integrità di tutti i componenti;
– movimentarla con cautela, considerando la presenza di altri lavoratori per evitare di colpirli accidentalmente;
– tenerla inclinata, mai in orizzontale specie quando la visibilità è limitata quando la si trasporta a spalla;
– non inserire il braccio all’interno della stessa fra i gradini/pioli nel trasporto a spalla;
– evitare che cada a terra o urti contro ostacoli durante la movimentazione;
– riportarla alla minima altezza nel caso del tipo a sfilo a due o tre tronchi;
– riporla in un luogo coperto, aerato, asciutto e non esposto alle intemperie;
– riporla verticalmente con i montanti a terra ed assicurarsi che non possa cadere: può essere riposta orizzontalmente per la sua lunghezza, appesa lungo i montanti;
– non riporla a terra orizzontalmente, in quanto fonte di possibile inciampo;
– effettuarne, eventualmente, la pulizia”.

By |2014-12-16T15:05:46+00:00dicembre 10th, 2014|Sicurezza sul Lavoro|