Stress: risposte adattative ed effetti sui sistemi biologici

Un intervento si sofferma sugli effetti dello stress sui sistemi biologici stress, sulla valutazione del carico allostatico e sull’impiego di un indice multi-sistemico per valutare e monitorare gli effetti dello stress cronico in ambiente di lavoro.
 
Urbino, 13 Mag – “La globalizzazione tipica dell’odierno mercato del lavoro si accompagna a deregulation e all’aumento della competizione”. E i processi di ristrutturazione e riorganizzazione aziendale “hanno teso spesso a privilegiare soluzioni che prevedono contrazione dell’offerta di impiego e contratti a termine”. E tutto questo ha evidenti ricadute sul livello di stress nei luoghi di lavoro.
In particolare da uno studio condotto in Europa emerge che “l’insicurezza e la precarietà nel lavoro sono fattori che si associano ad un incremento dello stress percepito e, parallelamente, al deterioramento dello stato di salute riferito”. Senza tener conto anche del carico aggiuntivo di stress di particolari categorie di lavoratori, come i turnisti.
E lo “ stress cronico, fisico e psicosociale, rappresenta un rischio per la nostra salute. Numerosi studi clinici ed epidemiologici lo vanno dicendo ormai da tempo e il ventaglio di patologie associate allo stress è divenuto oggi molto ampio, dalle malattie infettive a quelle croniche metaboliche, fino ai tumori”.
 
L’indice aggregato di carico allostatico fornisce un “utile strumento di previsione del rischio biologico, diverso rispetto agli indici di rischio tradizionali, selezionati essenzialmente in base al loro contributo specifico alle patologie per cui sono usati quali predittori”. Un indice che, “incorporando informazioni riguardanti una molteplicità di sistemi fisiologici diversi, coinvolti in maniera funzionalmente intercorrelata nei processi allostatici di adattamento, è in grado infatti di rispecchiare più compiutamente gli effetti cumulativi del carico allostatico sul nostro organismo (Juster, 2010). Queste caratteristiche lo rendono uno strumento particolarmente adatto a valutare gli effetti biologici dello stress.
 
Fonte: puntosicuro.it
By | 2016-05-13T16:46:12+00:00 maggio 13th, 2016|Sicurezza sul Lavoro|