SCELTA, MONTAGGIO E MANUTENZIONE DEI SISTEMI DI ANCORAGGIO

Per avere una prevenzione efficace degli infortuni nei cantieri e nei lavori in quota, gli ancoraggi – “sistemi destinati al fissaggio, ad una struttura di supporto, di opere provvisionali, di dispositivi di protezione collettiva e individuale e di attrezzature di lavoro” – non solo devono essere utilizzati correttamente, ma devono essere scelti, montati e verificati adeguatamente.
La scelta dell’ancoraggio da adottare in una specifica realizzazione “dipende dai rischi da eliminare e/o ridurre, preventivamente individuati nell’attività di valutazione dei rischi”. Nella parte dedicata nel documento alla tipologia degli ancoraggi sono riportate le varie caratteristiche e funzionalità.Prima del montaggio dell’ancoraggio è necessario verificare:
– “l’idoneità della struttura di ancoraggio (tipologia del materiale base, dimensioni, spessore);
– l’applicabilità della procedura o delle istruzioni di montaggio per l’uso previsto”.
E, laddove previsto, prima dell’eventuale smontaggio è necessario verificare:
– “le condizioni della superficie di lavoro (presenza di ghiaccio, scivolosità);
– le condizioni atmosferiche (vento, pioggia ecc.);
– l’applicabilità della procedura o delle istruzioni di smontaggio”.

Dopo lo smontaggio è invece necessario verificare:
– “l’integrità di tutti i componenti;
– l’assenza di danni ai materiali tessili;
– l’assenza di danni ai materiali metallici;
– l’assenza di deformazioni o ammaccature;
– la corretta movimentazione delle parti mobili;
– l’efficacia dei dispositivi di blocco e sblocco”.

Un altro aspetto importante per la prevenzione degli incidenti è relativo alla manutenzione dell’ancoraggio, manutenzione che deve essere effettuata da parte di personale qualificato.

La manutenzione prevede:
– “la verifica dello stato superficiale;
– la verifica dell’usura;
– la verifica di deformazioni;
– la verifica dei danni dovuti alla corrosione;
– la verifica dello stato della fune;
– la verifica del tensionamento della fune;
– la verifica dello stato dei dadi e dei bulloni;
– la verifica del serraggio dei dadi e dei bulloni;
– la verifica degli eventuali dissesti dell’insieme ancorante-struttura di supporto;
– l’ingrassatura di eventuali parti mobili”.

By | 2014-12-09T12:27:50+00:00 dicembre 1st, 2014|Sicurezza sul Lavoro|