I quesiti sul decreto 81: sull’obbligo del POS

Sull’obbligo da parte delle imprese impegnate nei cantieri per la costruzione di palchi per spettacoli musicali, cinematografici e teatrali di redigere o meno il piano operativo di sicurezza. Di Gerardo Porreca.

 

Quesito
Alcuni operatori sostengono che per i datori di lavoro delle imprese impegnate nei cantieri installati per la costruzione di palchi per spettacoli musicali, cinematografici e teatrali non sussiste, ai sensi del decreto del Ministero del Lavoro del 22/7/2014, l’obbligo di redigere ilpiano operativo di sicurezza? E’ giusto quanto dagli stessi affermato?
Risposta
Sinceramente non si comprende su cosa sia stata fondata la convinzione espressa nel quesito formulato secondo la quale nel caso di cantieri edili installati per la costruzione di palchi per spettacoli musicali, cinematografici e teatrali non sussista l’obbligo per le imprese esecutrici di redigere il piano operativo di sicurezza ( POS). Forse è stata basata sulla necessità di semplificare le procedure per tali tipi di cantieri o in considerazione della durata dei lavori da svolgere in essi, in genere molto breve, ma la stessa è comunque certamente derivata da una lettura poco attenta delle disposizioni di sicurezza sul lavoro emanate in materia.
Il quesito fa riferimento alle disposizioni emanate dal Decreto del Ministro del Lavoro di concerto con il Ministro della Salute del 22/7/2014 riguardante l’applicazione del D. Lgs. 9/4/2008 n. 81 e s.m.i., contenente il Testo Unico in materia di salute e di sicurezza sul lavoro, ai cantieri allestiti per la costruzione di palchi negli spettacoli musicali, cinematografici e teatrali e per la costruzione di stand nelle manifestazioni fieristiche, decreto richiesto dal legislatore con l’art. 88 comma 2-bis del D. Lgs. 81/2008 per tenere conto delle particolari esigenze che si incontrano nella organizzazione di questi particolari cantieri edili.
Fonte : puntosicuro.it
By |2016-06-22T18:16:38+00:00giugno 22nd, 2016|Sicurezza sul Lavoro|