MORTE PER CADUTA DALL’ALTO. COPERTURE IN BASE ALLA PENDENZA. PARAPETTI. CARATTERISTICHE DI RESISTENZA. FASI DI MONTAGGIO.

Degli infortuni mortali denunciati nel settore delle costruzioni e raccolti dal sistema di sorveglianza degli infortuni mortali e gravi, il 52,4 % erano dovuti a caduta dall’alto.

Classificazione alternativa delle coperture in base alla pendenza:
– Tetti orizzontali: quando il lavoratore, in piedi o camminando in ogni direzione su di esso, non è soggetto al rischio di scivolamento e/o di rotolamento, mantenendo l’equilibrio nella posizione iniziale;
– Tetti a debole pendenza: quando il lavoratore, in piedi o camminando in ogni direzione su di esso, pur potendo mantenere l’equilibrio nella posizione iniziale, è soggetto ad un lieve rischio di scivolamento o rotolamento e/o urto contro degli ostacoli;
– Tetti a forte pendenza: quando il lavoratore pur potendo stare in piedi e camminare in ogni direzione su di esso è soggetto ad un rischio elevato di scivolamento, di rotolamento e di urto contro degli ostacoli;
– Tetti a fortissima pendenza: quando il lavoratore non può stare in piedi o camminare in ogni direzione su di esso senza scivolare, rotolare e urtare contro ostacoli”.

Si ricordano i riferimenti del D.Lgs. 81/2008 alla regola dell’arte: le opere provvisionali devono infatti essere allestite con buon materiale e a regola d’arte, proporzionate e idonee allo scopo; esse devono essere conservate in efficienza per la intera durata del lavoro.

I dispositivi di protezione collettiva dei bordi contro le cadute dall’alto, i parapetti, sono costituiti generalmente da una barriera orizzontale a sviluppo longitudinale, sorretta da montanti verticali fissati in vario modo alla struttura del fabbricato”.
Viene ricordata la classificazione dei parapetti secondo la norma UNI EN 13374:2004:
– Classe A: “devono garantire la resistenza ai carichi statici e sono adatti per coperture con inclinazione non > a 10°. I requisiti principali sono: sostenere una persona che si appoggia alla protezione o fornire una presa quando vi si cammini a fianco e trattenere una persona che cammina o cade in direzione della protezione;
– Classe B: devono garantire la resistenza ai carichi statici e a basse forze dinamiche e sono adatti per coperture con inclinazioni minori di 30° senza limitazioni dell’altezza di caduta e per coperture con inclinazioni minori di 60° se l’altezza di caduta è inferiore a 2 m. I requisiti principali sono: sostenere una persona che si appoggia alla protezione o fornire una presa quando vi si cammina a fianco e trattenere una persona che cammina o cade in direzione della protezione , trattenere la caduta di una persona che scivola da una superficie inclinata;
– Classe C: devono garantire la resistenza a elevate forze dinamiche e sono adatti per coperture con inclinazioni comprese tra i 30° e i 45° senza limitazioni dell’altezza di caduta e per coperture con inclinazioni comprese tra i 45° e i 60° se l’altezza di caduta è inferiore a 5 m. I requisiti principali sono: trattenere la caduta di una persona che scivola da una superficie fortemente inclinata”.
E ove queste misure non permettano di evitare e/o ridurre i rischi per la sicurezza e la salute ad un livello accettabile, “si deve ricorrere all’uso congiunto di DPI idonei”.

La valutazione delle caratteristiche di resistenza della struttura di ancoraggio deve essere in grado di resistere alle forze in gioco che vengono trasmesse dal parapetto stesso. Le forze in gioco sono quelle relative alle azioni statiche o dinamiche esercitate dal lavoratore o all’azione del vento di fuori servizio. La struttura di ancoraggio eserciterà delle reazioni alle forze orizzontali, verticali e al momento trasmessi dal montante”.
Si segnala anche che i componenti del parapetto, costruiti allo scopo dal produttore, devono essere marcati.

Riguardo al montaggio, nella realizzazione di parapetti “sono da prevedere le seguenti fasi:
– accesso alla quota di lavoro per la fase di montaggio;
– installazione dei montanti di altezza adeguata e verifica della loro stabilità;
– installazione dei correnti e della tavola fermapiede.
Il sistema di montaggio/smontaggio più sicuro dei guardacorpo (montanti, aste metalliche verticali ancorate al supporto. Sono tra i parapetti provvisori più utilizzati, ndr) è rappresentato dall’utilizzo di una piattaforma aerea all’interno della quale gli installatori (agganciati alla stessa con imbracatura di sicurezza e cordino di trattenuta) possono operare senza il rischio di caduta”.

E in accordo con le istruzioni del fabbricante, “i guardacorpo saranno oggetto di ispezione prima del montaggio e dopo lo smontaggio, durante l’uso, periodicamente, prima della messa in servizio e comunque in tutti i casi in cui il parapetto abbia subito arresto di caduta, deve essere immediatamente ritirato dal servizio e sottoposto a controllo”.

Dunque è importante:
– “scelta adeguata del tipo di parapetto;
– corretto montaggio;
– tenuta del manuale di istruzioni;
– idonea ispezione e manutenzione;
– formazione;
– idoneità dell’operatore”.

By | 2014-10-15T12:06:52+00:00 ottobre 10th, 2014|Sicurezza sul Lavoro|