MACCHINE IN EDILIZIA: EQUIPAGGIAMENTO ELETTRICO

L’allegato V del D.Lgs. 81/2008, applicabile alle macchine costruite in assenza di disposizioni legislative e regolamentari di recepimento delle direttive comunitarie di prodotto, “fornisce una serie di indicazioni in merito ai comandi e ad altre caratteristiche relative alla parte elettrica delle macchine”.

Divieti:
– “non si devono aprire le custodie delle apparecchiature elettriche senza prima avere tolto tensione;
– non si devono rimuovere i collegamenti di messa a terra;
– non si devono estrarre le spine dalle prese tirandole per il cavo;
– non si devono dirigere getti d’acqua contro le apparecchiature elettriche in genere, neppure in caso di incendio;
– non si devono effettuare interventi su apparecchiature sotto tensione;
– non si devono spostare le utenze trasportabili (es. betoniere) senza prima avere tolto tensione, aprendo l’interruttore che si trova a monte del cavo di alimentazione;
– non si devono reinserire gli interruttori di protezione (magnetotermici e differenziali) senza aver prima posto rimedio alla anomalia che ne ha determinato l’intervento;
– evitare il contatto dei cavi elettrici con acqua, cemento o calce”.

Le istruzioni prima dell’uso:
– “verificare l’idoneità dell’impianto elettrico di cantiere (dichiarazione di conformità rilasciata da impiantista abilitato);
– verificare l’idoneità della macchina/attrezzatura alla specifica lavorazione (es. grado di protezione ip in ambiente bagnato);
– verificare il corretto collegamento della macchina/attrezzatura alla linea di alimentazione (cavi, interruttori, quadri, ecc.);
– verificare l’integrità delle parti elettriche visibili;
– verificare che il collegamento elettrico avvenga tramite giunto maschio fisso su parte stabile della macchina;
– verificare la presenza di dispositivi contro il riavviamento della macchina in caso di interruzione e successiva ripresa dell’alimentazione elettrica (nelle macchine per cui questo dispositivo “di minima tensione” sia previsto)”.

Le istruzioni durante l’uso:
– “segnalare al responsabile del cantiere eventuali anomalie nell’ impianto elettrico;
– disporre con cura i conduttori elettrici, evitando che intralcino i passaggi, che corrano per terra o che possano comunque essere danneggiati;
– verificare, prima di effettuare l’allacciamento, che gli interruttori di manovra dell’apparecchiatura e quello posto a monte della presa siano ‘aperti’ (macchina ferma e presa non in tensione);
– informare immediatamente il responsabile del cantiere, senza cercare di risolvere il problema autonomamente, qualora la macchina, dopo che sia stata alimentata e sia stato azionato il comando di avvio, non funzioni regolarmente o sia intervenuta una protezione elettrica (valvola, interruttore automatico o differenziale);
– tenere puliti ed asciutti gli spinotti delle spine, così come gli alveoli delle prese in assenza di tensione”.

E infine le istruzioni dopo l’uso;
– “lasciare l’attrezzatura in regolari condizioni di funzionamento;
– in caso di riscontrata anomalia informare immediatamente il responsabile di cantiere o mettere fuori servizio in maniera permanente la macchina/attrezzatura”.

By |2015-01-28T10:44:54+00:00gennaio 14th, 2015|Sicurezza sul Lavoro|