DIPENDENZA DA CIBO. MECCANISMI UGUALI A FUMO, ALCOL E DROGA

Alcuni alimenti come la pizza, le patatine fritte o il cioccolato, innescano nel cervello gli stessi meccanismi di ricompensa prodotte da fumo, alcol e droga.
L’effetto dipendenza non si crea con prodotti alimentari light come riso e salmone, quindi non raffinati.
Possiamo modificare il modo di dimagrire. Invece di solo diete ferree, può bastare eliminare alcuni alimenti, grazie ad un approccio simile a quello che già si usa per chi è dipendente da droghe e alcol.

La difficoltà di fermarsi. Il concetto di dipendenza da cibo è facilmente dimostrabile che gli alimenti trasformati, grassi, zuccherini, pizza, cioccolato, patatine e biscotti.
Non è facile limitare la quantità di questi cibi.

Cibo spazzatura. In un esperimento sui topi da laboratori gli esperti sono riusciti a dimostrare che il cibo spazzatura è recepito dall’organismo come una vera e propria droga. La differenza tra il cibo e la droga è data dal fatto che mangiando si arriva ad avere la sensazione di sazietà, cosa che manca quando si assumono droghe.

L’ormone che rende dipendenti. In laboratorio è stato dimostrato come gli alimenti, ai quali sono stati aggiunti sali, zuccheri e grassi, vanno ad agire sui recettori della dopamina, proprio quello che accade quando si prendono droghe. In questo modo quindi si arriva alla dipendenza fisica, all’assuefazione, visto che l’assunzione di cibi grassi stimola i recettori di questo ormone. Se questi recettori non vengano più stimolati, il corpo si sente privato di una sostanza che di conseguenza richiede al proprio organismo, innescando il meccanismo della dipendenza.

By |2015-02-27T17:27:20+00:00febbraio 27th, 2015|Medicina e Salute|