Riprese le ricerche della sedicenne scomparsa nel Salento

Sono riprese questa mattina le ricerche di Noemi Durini, la sedicenne di Specchia di cui non si hanno più notizie dal 3 settembre scorso.

Nella tarda serata di ieri, i vigili del fuoco si sono recati ad ispezionare un terrapieno fresco in una campagna lungo la strada che da Alessano conduce a Novaglie, ma, dopo aver spalato anche con le mani, la verifica non ha dato alcun esito.

In queste ore gli specialisti del Saf si stanno calando con un’autoscala a circa 40 metri di profondità all’interno di una vora, nella località di Barbarano.

Ora Noemi la cercano anche nelle grotte, nelle cisterne, negli inghiottitoi e nei pozzi. Un particolare che induce a pensare al peggio. La magistratura salentina ha aperto due fascicoli contro ignoti per sequestro di persona: uno è della Procura ordinaria, l’altro della Procura per i minorenni.

Quest’ultimo fascicolo è stato avviato anche nell’eventualità che sia stato un minorenne a compiere un reato. Noemi Durini si è allontana da casa otto giorni fa senza portare con sé il telefono cellulare, soldi e indumenti.

Altre volte, in passato, la sedicenne si era allontanata da casa per il rapporto burrascoso che aveva con la mamma, ma mai per più di un paio di giorni. Le ultime persone ad averla vista sono stati gli amici minorenni e il fidanzatino 17enne. Un giovane “a rischio”, dicono gli investigatori, che vive a pochi chilometri da Specchia.

Il ragazzino e Noemi – secondo fonti inquirenti – sono stati ripresi dalla videocamera di sicurezza di un’abitazione di Specchia in orario notturno (la notte tra il 2 e il 3 settembre) mentre salivano su un’auto guidata dal 17enne, che è solito condurre l’autovettura senza avere la patente.

Il minorenne, ascoltato dagli investigatori, avrebbe ammesso di aver accompagnato Noemi nei pressi del campo sportivo di Alessano e di averla lasciata lì. Questo particolare però – precisano gli inquirenti – non induce a ritenere al momento che il ragazzino sia stata l’ultima persona ad aver visto Noemi.

Per questo motivo ieri pomeriggio il giovane e suo padre sono stati ascoltati dai carabinieri.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *