Corsi di Formazione Professionale: Prossimi Incontri

corsi di formazione professionale prossimi incontri

Dove posso seguire il mio Corso in Aula?

  • Bergamo (BG)
  • Brescia (BS)
  • Como (CO)
  • Gorle (BG)
  • Milano (MI)
  • Torino (TO)

  • Latina (LT)
  • Montesilvano (PE)
  • Roma (RM)

  • Alcamo (TP)
  • Bari (BA)
  • Bitonto (BA)
  • Brindisi (BR)
  • Canosa di Puglia (BT)
  • Castellana Grotte (BA)
  • Corato (BA)
  • Gravina (BA)
  • Maglie (LE)
  • Massafra (TA)
  • Palermo (PA)
  • Partinico (PA)
  • Ragusa (RG)
  • San Giovanni La Punta (CT)
  • Taranto (TA)
  • Termini Imerese (PA)
  • Terrasini (PA)
  • Trani (BT)

Quali sono le date disponibili per il mio Corso?

Lunedì 04/09/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Mercoledì 27/09/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Lunedì 02/10/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Martedì 10/10/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Lunedì 13/11/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Lunedì 04/12/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Lunedì 11/12/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Lunedì 04/09/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Mercoledì 06/09/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Mercoledì 27/09/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Giovedì 28/09/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Lunedì 02/10/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Mercoledì 04/10/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Martedì 10/10/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Giovedì 12/10/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Lunedì 13/11/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Mercoledì 15/11/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Lunedì 04/12/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Martedì 05/12/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Martedì 12/12/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Lunedì 11/12/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Lunedì 04/09/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Mercoledì 06/09/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Venerdì 08/09/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Giovedì 28/09/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Mercoledì 27/09/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Venerdì 29/09/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Lunedì 02/10/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Mercoledì 04/10/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Venerdì 06/10/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Martedì 10/10/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Giovedì 12/10/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Lunedì 16/10/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Lunedì 13/11/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Mercoledì 15/11/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Venerdì 17/11/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Lunedì 04/12/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Martedì 05/12/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Mercoledì 06/12/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Lunedì 11/12/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Martedì 12/12/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Mercoledì 13/12/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Mercoledì 13/09//2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Venerdì 15/09/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Giovedì 26/10/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Venerdì 27/10/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Mercoledì 13/09/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Venerdì 15/09/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Mercoledì 20/09/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Venerdì 22/09/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Giovedì 26/10/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Venerdì 27/10/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Lunedì 30/10/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Lunedì 06/11/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Mercoledì 13/09/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Venerdì 15/09/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Mercoledì 20/09/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Venerdì 22/09/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Lunedì 25/09/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Martedì 26/09/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Giovedì 26/10/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Venerdì 27/10/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Lunedì 30/10/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Lunedì 06/11/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Martedì 07/11/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Mercoledì 08/11/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Giovedì 31/08/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Giovedì 28/09/2017 dalle h. 09.00 alle h. 13.00

Giovedì 12/10/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

-- --/--/2017 dalle h. --.-- alle h. --.-- (Aula/Videoconferenza)

Venerdì --/--/2017 dalle h. --.-- alle h. --.-- (Aula/Videoconferenza)

Venerdì --/--/2017 dalle h. --.-- alle h. --.-- (Aula/Videoconferenza)

Venerdì --/--/2017 dalle h. --.-- alle h. --.-- (Aula/Videoconferenza)

Venerdì --/--/2017 dalle h. --.-- alle h. --.-- (Aula/Videoconferenza)

Lunedì 04/09/2017 dalle h. 09.00 alle h. 13.00

Mercoledì 06/09/2017 dalle h. 09.00 alle h. 13.00

Mercoledì 18/10/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Lunedì 23/10/2017 dalle h. 09.00 alle h. 13.00

Venerdì 01/09/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Giovedì 07/09/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Martedì 05/09/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Giovedì 07/09/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Martedì 05/09/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00

Martedì 12/09/2017 dalle h. 14.00 alle h. 19.00

Lunedì 11/09/2017 dalle h. 14.00 alle h. 19.00

Giovedì 14/09/2017 dalle h. 13.30 alle h. 19.30

Lunedì 18/09/2017 dalle h. 14.00 alle h. 19.00

Martedì 19/09/2017 dalle h. 14.00 alle h. 19.00

Giovedì 21/09/2017 dalle h. 13.30 alle h. 19.30

Lunedì 09/10/2017 dalle h. 14.00 alle h. 19.00

Mercoledì 11/10/2017 dalle h. 14.00 alle h. 19.00

Venerdì 13/10/2017 dalle h. 13.30 alle h. 19.30

Martedì 17/10/2017 dalle h. 14.00 alle h. 19.00

Giovedì 19/10/2017 dalle h. 14.00 alle h. 19.00

Martedì 24/10/2017 dalle h. 13.30 alle h. 19.30

Lunedì 20/11/2017 dalle h. 14.00 alle h. 19.00

Martedì 21/11/2017 dalle h. 14.00 alle h. 19.00

Giovedì 23/11/2017 dalle h. 13.30 alle h. 19.30

Lunedì 27/11/2017 dalle h. 14.00 alle h. 19.00

Mercoledì 29/11/2017 dalle h. 14.00 alle h. 19.00

Giovedì 30/11/2017 dalle h. 13.30 alle h. 19.30

Giovedì 31/08/2017 dalle h. 15.00 alle h. 19.00 (Bari)

-- --/--/2017 alle h. 09.00 (Bitonto (BA))

Sabato 02/09/2017 alle h. 09.00 (Bari)

Compila il Form per poter richiedere l’iscrizione al Corso

  • N.B.1: Per poter richiedere l’iscrizione al Corso in Aula è necessario aver già acquistato e seguito completamente il Corso Online;
  • N.B.2: E’ possibile richiedere di seguire il Corso unicamente nelle Sedi su citate.

Quali sono le normative vigenti?

Il corso di formazione ai sensi dell’art. 37 del D.Lgs. 81/2008 ha una durata minima di 8 ore e massima di 16 ore, a seconda del tipo di rischio dell’attività lavorativa.

FINALITA’ DEL CORSO:
Il corso vuole fornire a tutti i lavoratori le conoscenze di base sulla sicurezza e salute nei luoghi di lavoro in applicazione della normativa vigente.

RIFERIMENTI NORMATIVI:
Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Provincie Autonome del 21 dicembre 2011, ai sensi dell’art. 37, comma 2 del d.lgs. 9 aprile 2008 n. 81 e successive modifiche e integrazioni.

DESTINATARI:
Il corso è rivolto a tutti i lavoratori (art. 2 del d.lgs. 81/08) a prescidere dalla tipologia del contratto

ITINERARIO FORMATIVO:
Il percorso formativo obbligatorio per i lavoratori si articola in due momenti distinti: Formazione Generale e Formazione Specifica in relazione ai rischi riferiti alle mansioni, ai possibili danni e alle conseguenti misure e procedure di prevenzione e protezione caratteristici del settore o comparto di appartenenza dell’azienda.
La Formazione Generale (in riferimento alla lettera a del comma 1 dell’articolo 37 del D.Lgs. n. 81/2008) riguarda tutti i settori o comparti aziendali, ha una durata non inferiore alle 4 ore e deve essere dedicata alla presentazione dei concetti generali in tema di prevenzione e sicurezza sul lavoro.
I contenuti di questa parte di formazione generale riguardano:

  • concetti di rischio,
  • danno,
  • prevenzione,
  • protezione,
  • organizzazione della prevenzione aziendale,
  • diritti, doveri e sanzioni per i vari soggetti aziendali,
  • organi di vigilanza, controllo e assistenza.

Terminata la parte di formazione generale, il lavoratore deve poi svolgere la Formazione Specifica obbligatoriamente in aula.

In tutte le aziende il datore di lavoro deve obbligatoriamente designare (art. 17 D.Lgs. 81/08) il Responsabile del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP), ovvero una persona (interna o esterna all’Azienda) esperta di sicurezza, in possesso di capacità e requisiti professionali. In alcuni casi, il compito può essere assunto direttamente dal Datore di Lavoro.

Tale figura coordina il servizio di prevenzione e protezione dai rischi, da la propria consulenza al datore di lavoro nel rispetto della normativa vigente e sulla base della specifica conoscenza dell’azienda: studia i problemi, individua e valuta i rischi, collabora all’elaborazione del DVR, propone le misure preventive e protettive che il datore di lavoro fa poi attuare; propone i programmi di informazione e formazione dei lavoratori; partecipa alle consultazioni e alla riunione periodica della sicurezza; fornisce ai lavoratori le informazioni sui rischi lavorativi, le misure adottate, le procedure e l’organizzazione della sicurezza (art. 33 D.Lgs. 81/08).

Il Corso di Formazione Addetto Gestione Emergenza Antincendio è, in base alla normativa D.Lgs. 81/2008 e s.m.i., obbligatorio per ogni Azienda. Il personale formato in questo ambito è anche detto personale GEA e può essere il datore di lavoro o un dipendente. La figura GEA è proporzionale alla grandezza dell’Azienda.

Lo Scopo del corso Gestione Emergenza Antincendio è quello di fornire al discente le conoscenze di base finalizzate ad affrontare le problematiche di sicurezza antincendio, evacuazione, resistenza al fuoco delle strutture, efficacia dei sistemi di protezione attiva e passiva.

CORSO DI FORMAZIONE IN RIFERIMENTO ALLA NUOVA NORMA CEI 11-27 : 2014

La nuova norma CEI 11-27, 4° edizione, individua due nuove figure per garantire la sicurezza nell’esercizio, nella manutenzione e nell’esecuzione di lavori con rischio elettrico:

  • la Persona o Unità Responsabile dell’impianto elettrico (URI);
  • la Persona designata alla conduzione dell’impianto elettrico (RI);
  • la Persona o Unità Responsabile della realizzazione del lavoro (URL);
  • la Persona preposta alla conduzione dell’attività lavorativa (PL).

Il Datore di Lavoro, con l’ausilio del Servizio di Prevenzione e Protezione (RSPP e ASPP), dovrà quindi non solo valutare i rischi, ed in particolare il rischio elettrico, individuando precise procedure di lavoro in sicurezza, ma anche assegnare precisi compiti e responsabilità ai soggetti che rivestiranno questi ruoli, con evidenti funzioni organizzative e di supervisione nell’esecuzione di lavori elettrici , come previsto dal Titolo III del D.Lgs. 81/08, in conformità alla normativa vigente, ossia alle nuove norme CEI 11-27:2014, 4° Edizione e CEI EN 50110-1:2014, 3° Edizione.

DURATA: La durata del corso è di 16 ore – 4 INCONTRI FORMATIVI

CONTENUTI:
Principali disposizioni legislative e normative in materia di sicurezza elettrica.
Norma CEI EN 50110-1:2014 ‘Esercizio degli impianti elettrici’, Norma CEI 11-27:2014 ‘Lavori su impianti elettrici:

  • I profili professionali richiesti agli Addetti ai Lavori Elettrici.
  • Criteri di attribuzione delle qualifiche previste dalla norma CEI 11-27: 2014 agli addetti ai lavori elettrici di persona esperta (PES), persona avvertita (PAV) e per l’idoneità ai lavori su impianti in tensione (PEI). Esempi applicativi.
  • Individuazione della Persona o Unità Responsabile dell’impianto elettrico (URI) e della Persona designata alla conduzione dell’impianto elettrico (RI), definizione dei relativi compiti, ruoli operativi e responsabilità.
  • Individuazione della Persona o Unità Responsabile della realizzazione del Lavoro (URL) e della Persona preposta alla conduzione dell’attività lavorativa (PL), definizione dei relativi compiti, ruoli operativi e responsabilità.
  • Principi generali di sicurezza per l’esecuzione dei lavori elettrici.
  • La pianificazione dei lavori elettrici secondo la norma CEI 11-27:2014, il Piano di lavoro, il Piano di intervento, la consegna e la restituzione dell’impianto elettrico.
  • Procedure per l’esercizio e la manutenzione degli impianti elettrici ai sensi della norma CEI 11-27:2014.
  • Procedure di lavoro elettriche conformi alla norma CEI 11-27:2014 e CEI EN 50110-1:2014 per lavori elettrici fuori tensione, in prossimità e sotto tensione.
  • Lavori non elettrici su impianti fuori tensione o in prossimità di impianti in tensione: procedure di lavoro secondo la nuova norma CEI 11-27:2014. I lavori elettrici nei cantieri temporanei e mobili: obblighi del committente e delle imprese.

La valutazione del rischio elettrico ai sensi del D. Lgs. 81/08 e della norma CEI 11-27:2014 per gli utilizzatori dell’impianto elettrico e per gli addetti ai lavori elettrici.
Test finale di valutazione.

Il Corso di Formazione per conseguimento del Patentino per l’Abilitazione all’utilizzo di Piattaforme di Lavoro Elevabili (PLE), Gru a Torre, Gru Mobile, Gru su Autocarro, Carrelli elevatori semoventi con conducente a bordo (varie tipologie: a braccio telescopico-industriale semoventi, muletti, sollevatori, elevatori semoventi telescopici rotativi), Trattori Agricoli o Macchine Forestali, Macchine Movimento Terra (varie tipologie: escavatori idraulici, escavatori a fune, pale caricatrici frontali, terne, autoribaltate a cingoli) è obbligatorio e previsto dell’Accordo Stato Regioni del 22/02/2012 in attuazione del D.lgs. 81/08.

Il Patentino è un documento rilasciato al lavoratore che attesta la conoscenza e le capacità di utilizzo in correttezza e sicurezza del mezzo, dopo che questi ha seguito, e superato con successo, uno specifico corso di formazione.

ll D.Lgs 81/08 (Testo Unico Sicurezza) definisce il “Preposto” come: persona che, in ragione delle competenze professionali e nei limiti di poteri gerarchici e funzionali, sovrintende alla attività lavorativa e garantisce l’attuazione delle direttive ricevute, controllandone la corretta esecuzione da parte dei lavoratori ed esercitando un funzionale potere di iniziativa. E’ da segnalare che il Testo Unico Sicurezza ha cambiato significativamente il ruolo del preposto, definendo innanzitutto il ruolo che deve svolgere in azienda ed i relativi obblighi che deve assolvere. Inoltre, sono state definite le infrazioni e relative sanzioni, in maniera distinta dalle altre figure della sicurezza ed i contenuti minimi della sua formazione.

I preposti ricevono a cura del datore di lavoro e in azienda, un’adeguata e specifica formazione (della durata minima di 8 ore), e un aggiornamento periodico in relazione ai propri compiti in materia di salute e sicurezza del lavoro.

I contenuti della formazione comprendono:

a) principali soggetti coinvolti e i relativi obblighi;
b) definizione e individuazione dei fattori di rischio;
c) valutazione dei rischi;
d) individuazione delle misure tecniche, organizzative e procedurali di prevenzione e protezione.”

Il Corso di Formazione Addetto Primo Soccorso è realizzato per i lavoratori che sono incaricati di attuare il primo soccorso nell’ambito Aziendale. Il Corso è realizzato allo scopo di studiare e trasferire le conoscenze e le abilità necessarie a gestire situazioni in materia di primo soccorso ed eventuale assistenza in situazioni di emergenza.

La formazione dei lavori designati, incaricati dell’attività di primo soccorso devono essere adeguatamente formati ai sensi dell’art. 43, comma 1, lettera b) e art. 37 comma 9 del D.Lgs. 81/08. La formazione degli addetti di primo soccorso deve avvenire con istruzione teorica e pratica per l’attuazione delle misure di primo intervento interno e per l’attivazione di pronto soccorso come previsto dall’art. 3, comma 1 del D.lgs. 388/03.

Il Corso di Formazione Addetto Lavori in Quota è realizzato per tutte quelle attività lavorative che espongono il lavoratore al rischio di cadute, da una quota posta ad altezza superiore a 2 metri rispetto ad un piano stabile.

La Normativa in questo campo è la seguente:
– l’articolo 115 del D.Lgs 81/2008 descrive i sistemi di arresto caduta necessari qualora non fossero state adottate le misure di protezione collettiva previste;
– l’articolo 77 del D.Lgs 81/2008 impone l’obbligo di formazione ed addestramento pratico sul corretto utilizzo dei DPI di III categoria, compresi i dispositivi di arresto caduta, per tutti i lavoratori che ne debbano fare uso.

Il Corso consiste sia in lezioni teoriche sia in lezioni pratiche, al termine delle quali verranno effettuati dei test sia teorici che pratici allo scopo di valutare le conoscenze acquisite durante il corso. Al termine del Corso ed in seguito al superamento (con successo) di Test relativi verrà rilasciato l’attestato di partecipazione / formazione.

E’ previsto lo svolgimento di test teorici e pratici, per valutare le conoscenze acquisite durante il corso; verrà rilasciato un attestato di partecipazione/formazione a chi li supererà con successo.

Per spazio confinato si intende un ambiente limitato e di difficile accesso, in cui il pericolo di morte o di infortunio grave è molto elevato, anche a causa della possibile presenza di sostanze chimiche o altre condizioni di pericolo, come ad esempio la mancanza di ossigeno, gas o vapori tossici, incendi od esplosioni.

Il D.P.R. 177/11, indica i criteri per la qualificazione delle imprese che operano in spazi confinati o ambienti con sospetto inquinamento e regolamenta la formazione, l’addestramento e l’esperienza degli addetti ai lavori in spazi confinati.

Il Corso ha come obbiettivo l’acquisizione delle conoscenze fondamentali per l’esercizio della funzione di Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza.

L’art.47, comma 2 del D.Lgs. 81/08 stabilisce infatti che in tutte le aziende, o unità produttive è obbligatorio eleggere o designare un rappresentante dei lavoratori per la sicurezza.

Le modalità di elezione dei RLS varia a seconda del numero dei dipendenti. Fino a quindici lavoratori l’RLS viene di norma eletto direttamente ed internamente dai lavoratori. Per più di quindici lavoratori, l’RLS può anche essere esterno e/o designato dalle rappresentanze sindacali.

Anche il numero di RLS che devono essere presenti in azienda varia, infatti vi sono le seguenti linee guida:

  • Un Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza per Aziende con meno di duecento dipendenti;
  • Tre RLS per Aziende con dipendenti inferiori a 1000;
  • Sei RLS per Aziende con più di 1000 dipendenti.

Il datore di lavoro a seguito dell’elezione comunica direttamente all’INAIL i nominativi degli RLS eletti.

I compiti del Rappresentante dei Lavoratori per la Sicurezza sono molteplici:

  • Può accedere ai luoghi di lavoro dove avvengono le lavorazioni;
  • Deve essere consultato allo scopo di valutare i rischi della sicurezza aziendale;
  • Deve essere consultato allo scopo di evitare incendi;
  • Deve essere consultato in merito all’organizzazione dei corsi di formazione di cui all’articolo 37;
  • Riceve informazioni riguardo la documentazione aziendale relativa ai rischi ed alle misure di prevenzione relative, nonché quelle inerenti alle sostanze ed ai preparati pericolosi, alle macchine, agli impianti, alla organizzazione, agli ambienti di lavoro, ed agli infoturni ed allre malattie professionali;
  • Riceve informazioni dai servizi di vigilanza;
  • Individua, promuove ed attua idee di prevenzione atte a tutelare la salute e l’integrità fisica del lavoratore;
  • Formula osservazioni riguardo le visite e le verifiche effettuate dalle autorità competenti;
  • Partecipa alla riunione periodica;
  • Avverte il responsabile dell’Azienda in merito a rischi individuati durante la sua attività;
  • Può far ricorso ad autorità competenti qualora le misure di prevenzione e le metodologie attuate dal Datore di Lavoro non siano sufficienti a riparare le falle della sicurezza riscontrate.