Ambiente e Energia

28 articoli

Anche un indumento può produrre energia. Tutto ciò è possibile grazie ad un generatore termoelettrico

E’ stato creato dagli scienziati dell’Ulsan National Istitute of Science and Technology, in Corea del Sud, un innovativo generatore termoelettrico solare, che sfrutta il calore di scarto sia dall’ambiente che dal corpo umano, per creare elettricità. I TEG (i generatori termoelettrici), sono dei dispositivi che funzionano tramite l’ Effetto Seeback. Quando esiste una differenza di temperatura tra due conduttori elettrici o semiconduttori dissimili, si produce una differenza di tensione tra di loro. Riscaldando uno dei due elementi, gli elettroni passano dal lato caldo al più freddo e , se la coppia è collegata da un circuito elettrico, la corrente passa […]

Quanto ci impiegano i nostri rifiuti a decomporsi? Ecco alcuni esempi

Liberarsi dei rifiuti nella natura è un gesto che porta con se conseguenze e forti impatti per il nostro ecosistema. Infatti, nel momento in cui abbandoniamo qualsiasi oggetto, non ci soffermiamo a pensare quanto tempo servirà alla natura per smaltirlo. Ad esempio, quando buttiamo una sigaretta per terra, il mozzicone senza filtro impiegherà dai 6 ai 12 mesi per dissolversi, poiché è fatto di sola carta e fibre vegetali di tabacco, quindi è biodegradabile. Ovviamente la durata varia dalla temperatura e dall’umidità del luogo in cui il mozzicone si trova. Al contrario, se la sigaretta possiede il filtro, essendo quest’ultimo […]

Che cos’è il SISTRI? Chi sono i Soggetti Obbligati?

Che cos’è il SISTRI? Il SISTRI (Sistema di Controllo della Tracciabilità dei Rifiuti) nasce su iniziativa del Ministero dell’Ambiente e della tracciabilità dei rifiuti speciali a livello nazionale e dei rifiuti urbani della Regione Campania. La lotta alla legalità nel settore dei rifiuti speciali è una priorità del Governo, allo scopo di contrastare il proliferare di azioni e comportamenti non conformi alle regole esistenti, nonché per mettere ordine ad un sistema di rilevazione dei dati che sappia facilitare, tra l’altro, i compiti affidati alle autorità di controllo. Per questo motivo è stato realizzato il sistema di controllo della tracciabilità dei […]

Il Mar Caspio sta evaporando a causa delle temperature sempre più alte

Il Mar Caspio sta perdendo acqua poichè quest’ultima evapora a causa delle temperature sempre più alte. A questo ritmo tutta la parte settentrionale potrebbe sparire nel giro di tre quarti di secolo. A preoccupare gli studiosi è un calo del livello delle acque di quasi sette centimentri all’anno, il doppio rispetto agli anni ’70. Secondo un team di ricercatori guidati dall’Università del Texas la colpa è da attribuire alle temperature che sono cresciute di un grado centigrado tra i gli anni 1979- 1995 e 1995-2015 e che continueranno ad alzarsi per via dei cambiamenti climatici in atto. A complicare la […]

Le stelle cadenti. Quando godersele?

Il momento migliore per osservare le stelle cadenti avviene nella notte tra il 12 e il 13 agosto, quando si registra il momento di massima attività delle Perseidi ( si stima un ritmo di 150 stelle cadenti all’ora), anche se quest’anno sono visibili già a partire da metà luglio e lo saranno ancora fino agli ultimi giorni di agosto. Sebbene si parli di “stelle cadenti”, le Perseidi sono in realtà tutt’altro: detriti (polveri e ghiaccio piccoli come granelli di sabbia, ma anche grandi un metro) abbandonati dalla cometa Swift-Tuttle nel suo passaggio intorno al Sole e che la Terra attraversa […]

Il mare barese è pulito. E’ stato confermato dalle analisi di Goletta Verde

Gli specchi marini su Bari e provincia non sono inquinati. A certificarlo sono i dati di Goletta Verde, l’imbarcazione che in questi giorni ha attraversato le coste pugliesi prelevando dei campioni di acqua per analizzare i livelli di batteri presenti (Enterococchi intestinali e Escherichia coli). I risultati sono stati presentati durante un incontro tenutosi al circolo Barion di Bari dal presidente di Legambiente Puglia Francesco Tarantini, da Giorgio Zampetti, portavoce di Goletta Verde, alla presenza di Annamaria Curcuruto, assessore ai Lavori Pubblici, Risorse Idriche e Tutela delle Acque della Regione Puglia, Nicola Giorgino, presidente Autorità Idrica Pugliese, Vito Bruno, direttore […]

Italia: stop alla vendite delle auto a benzina e a diesel a partire dal 2040

La commissione per l’ambiente e la commissione per i lavori pubblici al Senato della Repubblica hanno approvato la risoluzione che impegna il governo a valutare il divieto di commercializzare moto e autoveicoli a combustibili fossili dal 2040 L’Italia rientra a pieno titolo fra le Nazioni che si stanno adeguando al trend di altri paesi europei, di fatti la commissione per l’ambiente e la commissione per i lavori pubblici del Senato della Repubblica ha infatti approvato, senza alcun voto contrario, una risoluzione che impegni il governo a valutare il divieto di commercializzare moto ed autoveicoli a combustibili fossili dal 2040. La […]

Controlli a tappeto per i rischi della salute nelle falegnamerie

Nel mese di Maggio le ispezioni sono aumentate del 70% Il rischio cancerogeno, come sanno i medici del lavoro, non è dose correlato. Quindi non esiste una dose soglia come per il rischio chimico, poichè la presenza anche di basse concentrazioni ambientali ed anche per brevi periodi deve condurre a considerare i lavoratori a rischio. Nelle falegnamerie, nelle quali ci sia una esposizione a polveri di legni duri, si deve sottoscrivere il “rischio cancerogeno”, attuando tutte le misure preventive primarie e secondarie al fine di ridurre l’esposizione, le misure di sorveglianza sanitaria e diagnosi precoce e la gestione burocratica e […]

Rischio biologico: come determinare le spore fungine in atmosfera

Una nuova pubblicazione Inail si sofferma sulla procedura sperimentale per la determinazione di spore fungine in atmosfera. Viene proposto un metodo che può correlare l’insorgenza delle malattie respiratorie con la salubrità dell’ambiente lavorativo. Roma, 7 Feb – I nostri articoli hanno rilevato come uno dei rischi spesso non conosciuti o sottovalutati nei luoghi di lavoro sia il rischio biologico dove agente biologico, come indicato dal D. Lgs. 81/2008, può essere ‘qualsiasi microorganismo, anche se geneticamente modificato, coltura cellulare ed endoparassita umano che potrebbe provocare infezioni, allergie o intossicazioni’. E parte dell’esposizione umana ad agenti biologici è dovuta al ai microorganismi […]

Le allergopatie professionali e gli allergeni di origine chimica.

Indicazioni relative alle malattie allergologiche di origine professionale con particolare riferimento agli allergeni di origine chimica e all’insorgenza di patologie allergiche respiratorie e di dermatiti allergiche.   Napoli, 17 Mag – L’introduzione nei settori produttivi di nuove sostanze con potere sensibilizzante ha favorito l’esposizione dei lavoratori alle allergopatie professionali. E nei luoghi di lavoro non ci sono solo gli allergeni di origine animale (escrementi, piume, peli e residui cutanei, acari, …), di origine vegetale (graminacee, parietaria, cipresso, ulivo, betulla, fibre naturali, cereali, farine, lattice, …) e derivanti da funghi e batteri, ma sono presenti anche molti allergeni di origine chimica. […]